Chiudi

Oro dallo Spazio: Futuro o Fantascienza?

15 Maggio 2024

Parliamo spesso dell’oro in quanto materia scarsa. Ma se potessimo accedere alle infinite riserve disponibili nell’universo?

L’esplorazione spaziale è da sempre fonte di fascino e interesse per l’umanità, rivitalizzato in questi ultimi anni dalle venture private di miliardari come Jeff Bezos con la sua Blue Origin, e soprattutto Elon Musk con SpaceX.

Lo spazio non alimenta la nostra curiosità solo per le potenzialità di una vita oltre al Pianeta Terra – la nostra, o quella di altri organismi – ma anche per le possibilità economiche di un mercato ancora inesistente, ma forse non lontano quanto possa sembrare: l’estrazione di minerali dagli asteroidi.

Questo concetto, fino a pochi anni fa impensabile, è infatti uno dei più affascinanti e dibattuti, che si dice possa portare un giro d’affari tale da creare il primo trilionario al mondo. È infatti anche per questo, forse, che personaggi come Musk e Bezos, con i loro net worth da circa 200 miliardi di dollari, si sfidano per arrivare per primi sulla luna, su Marte e in generale fuori dai limiti della nostra atmosfera.

 

L’Oro nello Spazio

 

Abbiamo già parlato in un altro articolo e in alcuni video di come l’oro sia arrivato sulla terra, presumibilmente, tramite la pioggia di meteoriti a cui il nostro pianeta è stato sottoposto durante il suo periodo di formazione, milioni e milioni di anni fa.

Abbiamo anche parlato spesso della scarsità di oro sul nostro pianeta, che potrebbe virtualmente essere racchiuso tutto in un’area di 21 metri cubi, e che nel giro di 10 anni potrebbe essere stato raccolto interamente dalle miniere, lasciando solamente le riserve aurifere nel fondo degli oceani, a cui attualmente non abbiamo accesso.

A questo punto si prospettano due opzioni: imparare a estrarre l’oro dai fondali marini, che oltre ad essere complesso potrebbe rappresentare una catastrofe dal punto di vista ambientale, o spingersi oltre i confini della nostra atmosfera.

L’estrazione di oro dagli asteroidi è un’idea intrigante che ha attirato l’attenzione di scienziati, ingegneri e imprenditori spaziali. Tuttavia, sebbene la tecnologia per estrarre minerali dagli asteroidi stia avanzando rapidamente, l’effettiva estrazione di oro da questi corpi celesti presenta ancora molte sfide da superare.

Le riserve di oro sugli asteroidi potrebbero essere significative, con alcune stime che suggeriscono che alcuni asteroidi potrebbero contenere quantità di oro che superano di gran lunga quelle attualmente estratte sulla Terra. Tuttavia, l’identificazione degli asteroidi giusti e lo sviluppo delle tecnologie necessarie per estrarre e trasportare l’oro rappresentano ostacoli significativi da superare.

Se l’estrazione di oro dagli asteroidi diventasse una realtà, potrebbe mitigare la scarsità di oro sulla Terra fornendo una fonte alternativa di questo prezioso metallo. Tuttavia, è importante sottolineare che l’effetto sulla disponibilità e sul valore dell’oro dipenderebbe dall’effettiva quantità di oro estratta dagli asteroidi.

 

 

 

Non solo Oro

 

Negli ultimi decenni, con l’avanzamento della tecnologia spaziale e l’incremento delle missioni di esplorazione spaziale, l’idea di estrarre minerali dagli asteroidi ha guadagnato sempre più attenzione. Gli asteroidi, corpi rocciosi e metallici che orbitano intorno al Sole, contengono una vasta gamma di materiali preziosi, anche e soprattutto per l’industria tecnologia: parliamo di ferro, rame, nichel, litio, platino e oro, così come anche gas nobili e altri materiali.

L’estrazione mineraria dagli asteroidi potrebbe aprire la strada a una serie di applicazioni e vantaggi significativi. In primo luogo, potrebbe fornire una fonte sostenibile di risorse minerarie per sostenere l’economia terrestre e accelerare lo sviluppo tecnologico. Inoltre, potrebbe ridurre la dipendenza dalle risorse terrestri limitate e mitigare i rischi associati alla loro estrazione e produzione.

Tuttavia, nonostante il potenziale promettente, l’estrazione mineraria dagli asteroidi è una sfida tecnologica e logistica complessa. Le distanze e le velocità degli asteroidi, insieme alla mancanza di infrastrutture nello spazio, rendono l’estrazione mineraria un’impresa estremamente costosa e difficile da realizzare. Inoltre, ci sono anche questioni legali e etiche da considerare, come il diritto di sfruttamento delle risorse spaziali e la necessità di preservare l’ambiente spaziale.

Nonostante le sfide, molte aziende e organizzazioni spaziali stanno conducendo ricerche e studi per sviluppare tecnologie e strategie per l’estrazione mineraria dagli asteroidi. L’avvento di nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale, la robotica e la stampa 3D potrebbe rendere più accessibili e fattibili tali operazioni nello spazio.

 

 

 

Una Base sulla Luna?

 

Negli ultimi anni, c’è stato un crescente interesse e impegno verso l’idea di costruire una base spaziale sulla Luna. Questo progetto ambizioso potrebbe aprire nuove opportunità per l’esplorazione spaziale, la ricerca scientifica e lo sviluppo di risorse nello spazio. Tuttavia, uno dei potenziali utilizzi più significativi di una base lunare sarebbe come punto di partenza e arrivo per le missioni di estrazione mineraria dagli asteroidi.

Una base spaziale sulla Luna potrebbe fornire un hub strategico per le operazioni di estrazione mineraria nello spazio profondo. Grazie alla sua vicinanza alla Terra e alla sua gravità inferiore rispetto al nostro pianeta, la Luna potrebbe essere utilizzata come base di lancio per veicoli spaziali diretti verso gli asteroidi ricchi di risorse.

Le missioni di estrazione mineraria dagli asteroidi avrebbero molti vantaggi se lanciate dalla Luna. La gravità inferiore renderebbe più efficiente il lancio di veicoli spaziali e il ritorno dei materiali estratti sulla Terra. Inoltre, la presenza di una base spaziale sulla Luna potrebbe fornire supporto logistico e infrastrutturale alle missioni di estrazione, rendendo l’intero processo più sicuro ed efficiente.

Inoltre, la Luna potrebbe essere utilizzata come sito per l’assemblaggio e la manutenzione di veicoli spaziali destinati alle missioni di estrazione mineraria. Questo potrebbe ridurre i costi e i rischi associati al lancio di veicoli completi dalla Terra e permettere una maggiore flessibilità e adattabilità nel design e nella costruzione delle astronavi.

Infine, una base spaziale sulla Luna potrebbe fungere da centro di ricerca e sviluppo per le tecnologie necessarie per l’estrazione mineraria dagli asteroidi. Gli scienziati e gli ingegneri potrebbero condurre esperimenti e testare nuove tecnologie in condizioni simili a quelle dello spazio profondo, preparandosi per le sfide uniche e le opportunità offerte dall’estrazione mineraria nello spazio. Una base lunare sarebbe quindi un trampolino di lancio cruciale per le missioni di estrazione mineraria dagli asteroidi, aprendo nuove frontiere nell’esplorazione e nello sfruttamento delle risorse spaziali. L’investimento in questo tipo di infrastruttura potrebbe portare a nuove scoperte scientifiche, opportunità economiche e progressi tecnologici che ci porteranno sempre più vicino a una presenza umana duratura nello spazio.

Ultime news
01 Maggio 2024

Once Troy e Carati: Le Chiavi per Comprendere l’Oro

Once Troy e Carati. Capiamo la differenza delle due unità di misura più spesso associate all’oro, imparandoci anche a tutelare…

17 Aprile 2024

Il Gold Standard: un viaggio nella storia e nel significato di un sistema monetario iconico

Cosa era il Gold Standard? Perché è stato abbandonato? Torneremo mai indietro? Ne parliamo in questo articolo…

20 Marzo 2024

Scopri Helior Plan, il piano di acquisto a rate su misura dell’oro più puro al mondo

Stai già valutando di acquistare oro fisico per proteggere i risparmi?